Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca

Il direttore della Direzione investigativa antimafia in visita a Torino

Il generale Nunzio Antonio Ferla ha incontrato i vertici e il personale della D.I.A di Piemonte e Valle d'Aosta per fare il punto della situazione sulle numerose attività svolte sul territorio di contrasto ai fenomeni mafiosi

Il generale Nunzio Antonio Ferla, direttore della D.I.A, ha incontrato il personale del Centro Operativo di Torino durante il vertice operativo dove il Capo Centro Marina di Donato ha illustrato quelle che sono le attività investigative che hanno visto impegnati gli operatori di polizia dell’articolazione piemontese.

Nella riesamina delle attività svolte sono stati evidenziati l’impegno profuso della D.I.A sul territorio piemontese e valdostano che hanno permesso di sottoporre 7 persone alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno e di confiscare beni per circa 33 milioni di euro: i provvedimenti hanno riguardato complessivamente 34 immobili (tra cui 24 terreni, 28 appartamenti, 3 ville, 2 autorimesse ed 1 magazzino), 3 società, 3 autovetture, 3 conti correnti bancari, una polizza vita e svariati buoni postali fruttiferi intestati a mafiosi o loro fiancheggiatori.

Il direttore ha poi esortato il personale a proseguire, per quanto riguarda gli obiettivi strategici di medio e lungo periodo, lungo le direttrici che caratterizzano l’attività istituzionale della Dia: aggressione agli ingenti patrimoni mafiosi illecitamente acquisiti, il monitoraggio degli appalti pubblici al fine di prevenire qualsiasi tentativo di infiltrazione mafiosa, l’approfondimento di segnalazioni di operazioni finanziarie sospette , spesso indice di attività di riciclaggio, e le indagini di polizia giudiziaria.

Sul fronte delle attività preventive, è stata sottolineata l’importante funzione di monitoraggio degli appalti pubblici svolta sul territorio di competenza. Nell’ultimo biennio il Centro Operativo ha analizzato 5.100 richieste di informazioni antimafia e di iscrizione in “white list” per tutte le otto province del Piemonte e per la regione Valle d’Aosta.

Nel capoluogo piemontese, il generale Ferla ha fatto visita al Prefetto Paola Basilone, al Procuratore della Repubblica Armando Spataro, al Procuratore Generale Marcello Maddalena, al Presidente reggente del Tribunale Francesco Gianfrotta ed ha incontrato i vertici delle Forze di Polizia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il direttore della Direzione investigativa antimafia in visita a Torino

TorinoToday è in caricamento