Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca San Salvario

Il Cineteatro Baretti chiude, l'ultima chance sono le donazioni dei cittadini

Il cineteatro, in crisi di liquidità anche a causa dei finanziamenti mancati del comune, ha lanciato la campagna "Aiutateci a tenere accese le luci"; per ora le donazioni hanno fornito al massimo il 20% dei soldi necessari

Le difficoltà economiche colpiscono pesantemente il mondo della cultura, anche in un quartiere sempre più in vista come San Salvario. Dopo il salvataggio in extremis e la situazione ancora traballante della biblioteca Shahrazad, un altro perno dell'attività culturale nel quartiere rischia di chiudere i battenti: il cineteatro Baretti. Si tratta di un ente no profit, per questo maggiormente soggetto agli effetti deleteri delle crisi economiche. Molti dei crediti sono dovuti al comune che ha promesso soldi ma non è in grado di pagare causa la voragine nel bilancio.

I finanziamenti sono bloccati ma intanto i progetti in ballo, che contavano su quei soldi, non possono essere arrestati. Per questo motivo da qualche settimana il cineateatro ha lanciato la campagna "Aiutateci a tenere le luci accese", un esperimento di "crowdfunding" grazie al quale è possibile fare donazioni (anche molto piccole) per aiutare il cineteatro. 

I soldi donati vanno direttamente a finanziare i progetti "Portofranco", "B.O.H", "Piccolo cantiere d'arte", "Ancora dalla parte delle bambine" con attività cinematografiche, teatrali e musicali. Per stimolare i residenti a contribuire concretamente è stato girato anche un breve filmato in cui vengono spiegate la situazione del teatro e le modalità delle donazioni. Per ora la generosità dei cittadini ha coperto, nel migliore dei casi, solo il 20% dei fondi necessari, ancora troppo poco per essere ottimisti.

Stiamo parlando di un luogo fondamentale nel quartiere, da sempre votato alla valorizzazione del territorio e al lavoro in sinergia con le altre attività. Anche la collaborazione con le scuole è destinata a diventare una costante del cineteatro Baretti, crisi economica permettendo. Non è un caso che la circoscrizione si stia interessando seriamente alla questione (come già aveva fatto con la biblioteca Shahrazad) e il tema potrebbe essere oggetto di discussione nei prossimi consigli. Se l'offerta culturale della nostra città, nonostante tutte le difficoltà, rimane di livello lo dobbiamo anche a queste piccole raltà: per questo sostenere il cineteatro Baretti non è un'esclusiva di San Salvario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cineteatro Baretti chiude, l'ultima chance sono le donazioni dei cittadini

TorinoToday è in caricamento