menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scomparve nel 1978; il suo corpo identificato dopo 35 anni

Il corpo di Loretta Rossati, trovato nel 1979 in Germania, è stato identificato dopo 35 anni grazie all'aiuto delle autorità tedesche e delle moderne metolodogie genetiche

Era scomparsa alla fine del 1978: di lei si era persa ogni traccia, e le indagini, dopo molte difficoltà, si erano chiuse. Ma, grazie alle recenti metodologie genetiche, adesso si è potuti venire a capo almeno di una parte dell’enigma riguardo la scomparsa di Loretta Rossati, nata a Torino il 4 agosto 1956: i nuovi metodi hanno permesso infatti di attribuirle il cadavere rinvenuto ad Ausgburg nel gennaio 1979.

La donna viveva a Torino con la famiglia, ed era scomparsa dopo essersi recata in Germania verso la metà di dicembre. Di lei non si seppe più nulla. Le indagini proseguirono, ma senza venire a capo di nulla; nel 2004 vennero riaperte in seguito al ritrovamento di un corpo in Francia, ma le analisi del dna avevano escluso che potesse trattarsi di Loretta (anzi, appurarono che si trattava di un uomo).

Ora non ci sarebbero più dubbi: secondo le indagini, svolte assieme alle autorità tedesche, il cadavere di Ausgburg sarebbe quello di Loretta. Adesso rimane l’ipotesi dell’omicidio volontario, e la locale procura della Repubblica ha iscritto una persona sul registro degli indagati per tale fatto: si tratterebbe del fidanzato, che Loretta andava a trovare in Germania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento