Cronaca

Esplosioni stufe a pellet, Guariniello indaga su 5 aziende

Il pubblico ministero ha segnalato, dopo le rilevazioni di un consulente delle procura, che potrebbero essere diverse le stufe non perfettamente costruite e a rischio esplosione

Una donna ha denunciato l'esplosione di una stufa a pellet alla procura di Torino. Il pm Raffaele Guariniello ha raccolto subito la denuncia e a seguito dei primi accertamenti, ha iscritto i due imprenditori nel registro degli indagati.

Si tratta del costruttore della stufa esplosa, responsabile di un'azienda con sede nella provincia di Pordenone, e dell'installatore del Torinese. Il magistrato sta quindi procedendo per la violazione del cosidetto "codice del consumatore. 

Uno dei consulenti tecnici di Guariniello ha rilevato che ad esplodere è stato il vetro installato a copertura del braciere e che la stufa aveva un difetto di progettazione.

Secondo l'esperto altre stufe a pellet prodotte da cinque aziende italiane hanno presentato disfunzioni analoghe. Per questo motivo il pm torinese ha informato il Ministero dello sviluppo economico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosioni stufe a pellet, Guariniello indaga su 5 aziende

TorinoToday è in caricamento