menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Rosboch, aperta la cassetta di sicurezza intestata a Roberto Obert

All'interno non ci sono soldi, ma solo buoni fruttiferi risalenti nel tempo e alcuni beni di famiglia, per un valore totale stimato intorno ai 20mila euro

Ultim'ora sulle indagini riguardanti l'omicidio di Gloria Rosboch. I carabinieri hanno infatti aperto la cassetta di sicurezza intestata a Roberto Obert, trovandovi all'interno alcuni buoni fruttiferi risalenti ad anni precedenti e non collegati all'indagine in corso in queste settimane sull'omicidio dell'insegnante di Castellamonte. Il totale dei beni rinvenuti ammonta a 20mila euro.

Niente soldi quindi, come in un primo momento si pensava, ma solo strumenti d'investimento, oltre ad alcuni beni di famiglia. Secondo Obert, la cassetta in questione, ritrovata dai militari nella giornata di ieri, doveva contenere parte di una liquidazione da lui ricevuta al termine di un rapporto lavorativo nel bresciano.

Per ora, nessuna traccia dei 187mila euro consegnati da Gloria a Gabriele Defilippi nell'estate del 2014.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento