menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I giochi dei bambini bruciati dai vandali. Cittadini pronti alla colletta

Da quasi due mesi l'area giochi di via Deledda è parzialmente inutilizzabile a causa di un misterioso rogo. Per questo i residenti starebbero pensando di raccogliere dei soldi per aiutare le istituzioni

Bruciati un mese fa e ora rimossi in quanto inutilizzabili. Dei giochi del giardinetto di via Deledda, devastati dal fuoco, rimane oggi davvero poco. La circoscrizione Sette ha subito provveduto tramite gli agenti della polizia municipale a cintare la zona bersagliata dalle fiamme. Ma delle riparazioni tanto attese ancora nessuna traccia. Ecco perché alcuni residenti del quartiere Vanchiglietta starebbero pensando di dare il via ad una maxi colletta.

Un gesto puramente simbolico per ripristinare in tempo breve i giochi che qualche balordo ha pensato bene di distruggere. Il misterioso atto vandalico, avvenuto lo scorso mese di luglio, è una ferita ancora aperta nei cuori delle mamme e dei papà che da anni vivono nella zona. Difficile, infatti, capire chi possa aver trovato il coraggio per gettare benzina sull'area giochi. E soprattutto per quale assurdo motivo.

“Le attrezzature del giardinetto di via Deledda vengono utilizzate esclusivamente dai bambini che ogni giorno affollano le strutture da gioco con i nonni o le mamme – racconta un residente della zona -. Si tratta di un'area ben frequentata, vicina ai frequentatissimi corsi Belgio e Cadore. I bulli non li vediamo mai, né di sera né di mattina. Davvero non sappiamo chi possa aver compiuto un gesto così vergognoso”.

Un episodio che ha lasciato molto rammarico anche tra gli uffici della circoscrizione Sette. I giardini, nuovi di zecca, dovevano essere il fiore all'occhiello del quartiere. Il rogo, invece, ha gettato tutti quanti nello sconforto. E la mancanza di denaro liquido per dare subito il via alle riparazioni ha fatto il resto. “Se ogni famiglia lasciasse un piccolo contributo spontaneo si potrebbe sicuramente dare un valido supporto al Comune – dichiara il signor Mario, uno dei pensionati che vorrebbe rimettere in sesto l'area  giochi vandalizzata  -. Non è giusto che dei bulletti la facciano franca. Il giardino è tutti, in primis dei bambini. Per questo appena la città si ripopolerà daremo il via all'iniziativa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento