rotate-mobile
Cronaca Ciriè

Il geometra che emetteva 30 parcelle l'anno. Arrivano i finanzieri e ne fa 300 in poche ore...

Dovrà pagare le imposte su oltre 130mila euro di reddito non dichiarato, a cui andranno aggiunti sanzioni e interessi, ma dovrà anche rispondere del reato di esibizione di documenti falsi

Per anni, dal 2012 al 2016, aveva emesso al massimo 30 parcelle l'anno. Ma appena iniziato un controllo della guardia di finanza il numero dei documenti fiscali emessi era balzato a 300 in poche ore.

Protagonista della vicenda è un geometra di Cirié che ha cercato di correre ai ripari per rendere coerente la sua contabilità con quanto gli contestavano i finanzieri della tenenza di Lanzo sulla base delle risultanze delle banche dati e degli accertamenti bancari. Il suo comportamento, però, ha addirittura aggravato la posizione del geometra, che ora non solo dovrà pagare le imposte su oltre 130mila euro di reddito non dichiarato, a cui andranno aggiunti sanzioni e interessi, ma dovrà anche rispondere del reato di esibizione di documenti falsi (ben 300 nel corso del controllo).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il geometra che emetteva 30 parcelle l'anno. Arrivano i finanzieri e ne fa 300 in poche ore...

TorinoToday è in caricamento