Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca None

Brutte storie di maltrattamenti e bravate contro i mici alle porte di Torino

Alla periferia di Torino la vita per i gatti è diventata impossibile. E' nata un'associazione (Wancisi) che ha deciso di prendersi cura di questi piccoli animali e di scoprire che fine ha fatto una colonia di mici

Una carreggiata, metaforicamente una linea di confine, tra due ambiti territoriali di caccia è l'unico posto in cui i poveri gattini di None potrebbero vivere. Sulla strada che porta a Castagnole Piemonte, infatti, come riferisce l'agenzia Geopress, la vita per i poveri animaletti che girano tra gli orti, non è affatto semplice, tant'è che è nata l'associazione Wancisi (dal nome del primo gattino salvato) che presta giornalmente soccorso a tutti quei gatti che subiscono le violenze degli uomini.

Non sono mancate le denunce, la prima delle quali parlava di una piccola colonia di micetti a rischio, probabilmente presi di mira da un gruppetto di giovani che volevano fare una bravata. E alla fine di quella piccola colonia è rimasta solo la mamma che ha difeso i figli fino all'ultimo. E' stata trovata dall'associazione abbandonata con un buco vicino alla zampa anteriore sinistra.


La notizia ha trovato la conferma nelle denunce presentate al Comando della Polizia Municipale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brutte storie di maltrattamenti e bravate contro i mici alle porte di Torino

TorinoToday è in caricamento