rotate-mobile
Cronaca Madonna di Campagna / Via Bernardino Luini

Ripetuti furti di tombini a Torino, due persone identificate grazie alle telecamere: denunciate

In azione un uomo e una donna. Agli agenti la donna ha raccontato e ammesso di averlo fatto per ottenere il denaro necessario per vivere

Di notte le incursioni che lasciavano, il giorno successivo, le strade di Torino piene di buche. Motivo? Sparivano i chiusini stradali, “tombini” di ghisa normalmente posti a chiusura dei pozzetti d’ispezione dei vari impianti di distribuzione presenti nel sottosuolo. Dopo un lungo lavoro di indagine gli agenti della Polizia Municipale sono risaliti a un uomo e a una donna che sono stati denunciati per furto aggravato.

A seguito di numerose segnalazioni da parte dei cittadini, gli agenti del Comando Territoriale V (Madonna di Campagna, Lucento, Vallette, Borgo Vittoria) hanno iniziato a indagare sulle misteriose sparizioni di chiusini stradali posti sui marciapiedi della Circoscrizione di competenza. Ogni mattina, a rotazione, i camminamenti del quartiere si presentavano pieni di trappole per i pedoni, vere e proprie buche di forma quadrata o circolare di dimensioni 30x30 cm (in alcuni casi 40x40 cm), profonde anche fino a 50 cm, venutesi a creare a seguito dell'asportazione dei chiusini.

Due persone individuate grazie alle telecamere 

Dopo vari sopralluoghi e interviste, gli agenti della Polizia Municipale sono riusciti a trovare una telecamera su un condominio nei pressi di un marciapiede di via Luini dove si erano verificate alcune sparizioni di chiusini. A seguito dell'analisi delle registrazioni gli agenti hanno isolato un filmato in cui si vedono, nell'oscurità della sera, un uomo e una donna mentre asportano i coperchi in ghisa. Per farlo l’uomo utilizza un attrezzo ad uncino. Ma è stato da un dettaglio del modus operandi di lei che gli agenti hanno potuto identificare la coppia di ladri. La donna è stata coinvolta e ritratta da un ulteriore telecamera nell’ambito di un altro intervento, effettuato sempre dagli agenti del Comando Territoriale V. Grazie all'incrocio dei due filmati, gli agenti hanno individuato alcune caratteristiche univoche che hanno fatto scattare ulteriori accertamenti e appostamenti nei confronti della donna.

Successivamente, durante la perquisizione domiciliare in casa della signora, disposta dalla Procura della Repubblica, i ‘civich’ del Reparto Operativo Speciale e della Polizia Giudiziaria hanno trovato e posto sotto sequestro gli attrezzi utilizzati dalla coppia per l'asportazione dei chiusini. Agli agenti la donna ha poi raccontato e ammesso di aver divelto i ‘tombini’ insieme al complice con il fine di cederli in cambio del denaro minimo necessario per vivere.


 tombini-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripetuti furti di tombini a Torino, due persone identificate grazie alle telecamere: denunciate

TorinoToday è in caricamento