Colpo grosso dei ladri di rame nella centrale elettrica: rubati cavi per 200mila euro

Nessun danno all'operatività

La centrale di regione Combe a Piossasco

Dieci chilometri di cavi di rame, per un valore stimato di circa 200mila euro, sono stati rubati da una centrale elettrica di Piossasco, in regione Combe, probabilmente nell'ultimo fine settimana. I gestori se ne sono accorti la mattina di martedì 28 gennaio 2020.

L'operatività della centrale non ha avuto alcun danno e probabilmente anche per questo nessuno si è accorto di nulla fino a quando, nel corso di un controllo, sono stati aperti i magazzini in cui erano stati stoccati i cavi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul caso sono in corso le indagini dei carabinieri della compagnia di Moncalieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento