menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'opera d'arte di Riccardo Cordero e quello che ne resta

L'opera d'arte di Riccardo Cordero e quello che ne resta

Furto alla Pellerina: i ladri segano l'opera d'arte contemporanea e la portano via

I cittadini di borgo Campidoglio avevano a lungo segnalato il degrado delle installazioni, ridotte a ferraglia utilizzata dai writers

C'erano una volta le opere d'arte contemporanea del Museo di arte urbana all'interno del parco della Pellerina. C'erano, perché una, 'Rotazione coordinata' di Riccardo Cordero, ultimata nel 1993, è stata segata nel corso di una notte e portata via dai ladri di metallo.

A dare l'allarme è il comitato che riunisce i borghi Campidoglio, Parella e San Donato, lo stesso che, nel 2013, aveva segnalato che le opere nello spazio verde si stavano sempre più trasformando in un ammasso di ferraglia, utilizzato al massimo dai writers. I gestori del Museo, competenti per la gestione dell'opera, avevano detto che non c'erano fondi disponibili per assicurare la manutenzione del patrimonio.

Alla Pellerina ora restano tre sculture donate dagli autori come nel caso di 'Rotazione coordinata': 'Città' di Luigi Mainolfi del 1992, 'Euphoria' di Jetta Donegà del 1969 e 'Figure nel paesaggio' di Sandro Cherchi del 1989.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento