Scopre l'escavatore che gli era stato rubato in una villa poco distante: denunciati i proprietari dell'edificio

I carabinieri sono intervenuti a Leini su segnalazione della vittima. I due hanno cercato di giustificarsi dicendo che era stato loro prestato

immagine di repertorio

Nel giardino della villa che avevano appena acquistato avevano un piccolo escavatore che è risultato rubato qualche giorno prima a un imprenditore che ha la sua azienda poco distante.

Per questa ragione due commercianti italiani residenti a Torino, di 47 e 61 anni, neo-proprietari dell'edificio sull'ex statale 460 a Leini, sono stati denunciati a metà giugno 2017 dai carabinieri della stazione cittadina. I due si sono giustificati dicendo che la pala meccanica era stata imprestata loro, ma i militari non hanno ritenuto credibile la loro versione dei fatti.

L'allarme è stato dato proprio dalla vittima del furto, che ha notato il suo mezzo parcheggiato nel giardino. La villa apparteneva, fino a qualche tempo fa, a un noto esponente della criminalità organizzata ed era in ristrutturazione. Anche i nuovi acquirenti, in realtà, hanno precedenti penali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento