rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Vallette / Via Maria Adelaide Aglietta, 35

I ladri colpiscono anche in carcere: rubata una cassaforte

Vittima cooperativa di detenuti

Colpo nel carcere delle Vallette la notte di giovedì 1 febbraio 2018. I ladri hanno portato via una cassaforte portatile che era custodita nell'ufficio della cooperativa LiberaMensa, formata da detenuti ed ex detenuti, che si occupa di ristorazione non soltanto nel penitenziario (dove gestisce spaccio, bar e ristorante) ma anche altrove.

Il bottino dovrebbe aggirarsi tra i 5mila e i 6mila euro, almeno secondo quanto dichiarato dalle vittime alla polizia penitenziaria, che si sta occupando di smascherare il ladro o forse i ladri, visto che il peso della cassaforte è superiore a 40 chili.

I locali sono a uso esclusivo della cooperativa, anche se vi entrano numerosi fornitori durante il giorno. Sono soltanto i soci, però, ad avere le chiavi.

Mentre l'identità degli autori resta misteriosa, l'Osapp sindacato di polizia penitenziaria, prende posizione sul furto e punta l'indice sui detenuti: "Non meraviglia - sostiene il segretario generale Leo Beneduci - che si possono commettere furti anche in un carcere, tenuto conto che la disfunzione interna agli istituti penitenziari, fortemente voluta anche dall’attuale guardasigilli Orlando in una politica volta solo alla assoluta tutela dei detenuti chiunque siano e qualsiasi reato abbiano commesso, induce logicamente a non migliorare e semmai addirittura a peggiorare le attitudini al crimine dell’utenza detentiva. Da segnalare peraltro che tale grave inefficienza penitenziaria grava integralmente sulla collettività nazionale, avviene nonostante gli immani sforzi di un corpo di polizia penitenziaria che opera in gravissima penuria
di organico, di mezzi, di aggiornamento professionale, e per una età media che ormai si avvicina ai 50 anni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ladri colpiscono anche in carcere: rubata una cassaforte

TorinoToday è in caricamento