Gli rubano la bici mentre ritira una cena da consegnare: il rider non potrà lavorare per giorni

Il ladro è stato arrestato

immagine di repertorio

Resterà giorni senza lavorare per colpa di un ladro. È la disavventura capitata nella serata di ieri, mercoledì 3 giugno 2020, a un italiano di 58 anni, rider per conto di una delle maggiori compagnie che svolgono il servizio di consegna pasti a domicilio.

Era andato a ritirare una delle tante cene da consegnare in uno dei ristoranti della 8 Gallery del Lingotto e aveva lasciato la bici fuori, ma al ritorno con la cena in mano non l'ha più ritrovata. A quel punto ha iniziato a vagare a piedi alla ricerca dell'autore del furto.

Nel frattempo, il ladro aveva imboccato via Nizza contromano in sella alla bici rubata, suscitando l'allarme e anche le ire degli automobilisti. Il rumore dei clacson ha attirato sul posto una pattuglia dei carabinieri della stazione Torino Mirafiori che ha fermato il mezzo e il suo conducente, un italiano di 38 anni residente in città.

Poco dopo il rider ha raggiunto il luogo dell'accaduto e ha riconosciuto la propria bicicletta. Per il ladro è stato disposto l'arresto in flagranza di reato (è stato poi collocato ai domiciliari). Il lavoratore, oltre ad avere perso la paga per la serata, dovrà aspettare la convalida del provvedimento per riavere la sua bici e poter tornare a lavorare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento