Cronaca

Furti al bancomat, arrestato ennesimo ladro del "cash trapping"

Il "cash trapping" consiste, infatti, nell'inserimento di una striscia di plastica o di una forcina metallica nella fessura da dove escono le banconote o le tessere, trattenendole all’interno

Arrestato l'ennesimo ladro del "cash trapping", la nuova frontiera del furto 2.0 mediante manomissione degli sportelli bancomat, postamat e colonnine self service.

L'uomo, cittadino romeno di 30 anni residente a Villastellone, è stato fermato dai carabinieri in Strada del Mongreno 15, a Torino, mentre si stava impossessando del denaro che un cittadino aveva appena tentato di prelevare. Il complice, invece, è riuscito a fuggire.

Il "cash trapping" consiste, infatti, nell'inserimento di una striscia di plastica o di una forcina metallica nella fessura da dove escono le banconote o le tessere, trattenendole all’interno. Una microtelecamera nascosta cattura il codice del bancomat. A quel punto, non appena il titolare della carta si allontana, i ladri sono pronti a forzare lo sportellino e a recuperare la forcella estraendola con tutte le banconote o la tessera bancomat trattenuta.

Lo straniero arrestato è sospettato di far parte di un'organizzazione criminale con ramificazioni su tutto il territorio nazionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti al bancomat, arrestato ennesimo ladro del "cash trapping"

TorinoToday è in caricamento