Cronaca San Salvario / Corso Dante

Il bar preda di furti e atti vandalici, il proprietario accusa: "Così non possiamo vivere"

Negli anni qualche cliente ha cominciato a chiedere di poter bere a credito. Poi sono arrivati i dispetti e le intrusioni notturne

Uno degli atti vandalici di corso Dante

Furti e atti vandalici, vetri spaccati e minacce hanno convinto i gestori del bar di corso Dante 12 ad alzare bandiera bianca.

Dopo l’ennesimo raid è scattata la voglia di arrendersi, di abbassare la serranda. Almeno quattro i furti segnalati, scorribande portate a termine da ladruncoli per portare via il cambiamonete o la cassa. “Così non si può lavorare - racconta Wael, l’attuale gestore -.A dicembre me ne vado e lascio questo posto, ho già avuto a che fare con troppi brutti ceffi”.

Negli anni qualche cliente ha cominciato a chiedere di poter bere a credito. Poi sono arrivati i dispetti: in un’occasione ignoti hanno gettato a terra il grosso telone del dehors, in un’altra si sono divertiti a prendere a calci una delle vetrate.

Casi denunciati dal gestore alla polizia. E dal proprietario, il signor Stefano, che ora ricorrerà ai salti mortali i per continuare a tenere aperto. “Non voglio abituarmi a furti e atti vandalici ma questa situazione sta diventando davvero molto pesante”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bar preda di furti e atti vandalici, il proprietario accusa: "Così non possiamo vivere"

TorinoToday è in caricamento