Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Regio Parco / Via Emilio Salgari

I furti della ghisa aumentano a dismisura. Ora è allarme in tutta la città

L'ultimo colpo è stato registrato nel Regio Parco dove sono spariti una decina di chiusini. Ancora una volta Smat è stata costretta a transennare l'area

Boom dei furti della ghisa nella città di Torino. Grate e tombini sono finiti nel mirino delle bande criminali tanto che nel giro di un solo anno è stato constatato un aumento dei furti del 400%. Dalle “sole” 65 denunce del 2011 si è passati alle 274 del 2012. Numeri inquietanti che si possono commentare da soli. E la tradizione negativa potrebbe proseguire anche quest’anno.

Dopo le denunce dei primi due mesi - di via Caio Plinio, Mirafiori Sud, e via Cigna, Barriera di Milano, giusto per fare due esempi - nella notte tra mercoledì e giovedì ignoti delinquenti hanno forzato una decina di chiusini all’interno del quartiere Regio Parco. Letteralmente prese d’assalto sono state le vie Salgari, Vuillermin, Signorini e Rossetti, tutte comprese tra corso Regio Parco e piazza Sofia. I primi ad accorgersi dell’incidente sono stati i residenti. E qualcuno un po’ distratto ha quasi rischiato di rimetterci una gamba.

“Ci siamo accorti che qualcosa non andava quando siamo scesi a buttare la spazzatura – rivela Marcello, un pensionato -. Facendo un giro per la zona abbiamo notato che mancavano le grate di quasi tutti i tombini. Nessuno di noi, però, ha notato movimenti sospetti la sera prima”. La scomparsa della ghisa è stata denunciata nella giornata di ieri anche dal presidente dell’associazione commercianti “Una finestra su Regio Parco” Michelangelo Gulli. “Sembra impossibile riuscire a stare tranquilli in questo quartiere – chiosa Gulli -. Eravamo faticosamente riusciti a mandare via i camper dei nomadi che è spuntato un nuovo problema”.

Nuovo non certo per Smat che negli ultimi quindici mesi ha avuto il suo bel da fare per riparare ai danni causati dall’ingordigia dei razziatori della ghisa. Pronti a tutto pur di guadagnare qualche euro al mercato nero. “Su segnalazione di alcuni cittadini abbiamo provveduto a transennare tutti i tombini della zona – dichiarano da Smat -. Intervenendo come da copione per la sicurezza dei passanti e ovviamente anche per quella delle automobili” 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I furti della ghisa aumentano a dismisura. Ora è allarme in tutta la città

TorinoToday è in caricamento