menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Apparecchiature rubate negli ospedali e spedite in Colombia, fermata la banda

Oltre un milione di euro il valore della refurtiva

Tre persone arrestate, emesse quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere e contestuale mandato di arresto europeo nei confronti dei componenti di un sodalizio criminale colombiano, responsabili del furto di apparecchiature endoscopiche, avvenuto negli ospedali di Trieste, Palmanova, Pola e Pinerolo nel novembre 2016 presso l'ospedale Agnelli. Il materiale veniva successivamente spedito in Colombia.

Si è conclusa così l’operazione “Take-away probe”, condotta dalla Compagnia Carabinieri di Palmanova sotto la direzione delle procure di Udine, Trieste e Torino. Il valore totale della merce, in parte recuperata, si aggira intorno al milione e 200mila euro.  

Il furto a Pinerolo

Il furto, a suo tempo regolarmente denunciato ai carabinieri di Pinerolo da parte del Direttore di Medicina Dr. Liuzzi, era di 5 coloncopi e 6 Videogastroscopi. Le apparecchiature erano di proprietà della Ditta Olympus affidataria di un service presso l'ASL.

Il 5 aprile 2017, a seguito del ritrovamento delle apparecchiature, la Procura della Repubblica di Udine aveva emesso il decreto di restituzione dei beni che erano stati riportati presso l'Ospedale Agnelli dove erano stati sottoposti a completa revisione da parte dell'Ingegneria clinica e riposizionati presso l'endoscopia previa attivazione di apposito impianto di allarme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento