Cronaca Regio Parco / Via Emilio Salgari

I ladri assediano il centro della raccolta differenziata di via Salgari

Nel Regio Parco ogni giorno decine di ladri tentano di entrare nel centro Amiat. Un problema sottolineato anche dai residenti e dai commercianti del quartiere. "Quella gente ruba di tutto. Dovete fermarli"

Nel centro Amiat per la raccolta differenziata di via Salgari è scoppiato l’allarme furti. Diversi oggetti tra cui televisori, computer ed elettrodomestici vari continuano a sparire giorno dopo giorno. Una catena impressionante di taccheggi che si verifica soprattutto nelle ore notturne e durante gli orari di pausa del personale.

I ladri aspettano proprio l’ora di pranzo per scavalcare la rete di protezione e colpire, il tutto senza preoccuparsi della presenza delle telecamere. L’accesso privilegiato dei furbetti avviene dal lato di corso Taranto, vicino al parco Confluenza. I furfanti prima parcheggiano camion, auto o eventuali bici e successivamente si intrufolano nel centro Amiat. Una volta dentro incomincia la caccia agli oggetti più utili.

Dieci o quindici minuti il tempo necessario per commettere la rapina, scavalcare la rete e darsela a gambe. E se la maggior parte degli assalti sfugge alle volanti della polizia. Lo stesso non si può dire dell’occhio attento dei residenti e dei commercianti che più volte hanno pizzicato i ladruncoli. "Non è ammissibile quello che succede ogni giorno in quel centro – commenta un arrabbiato Michelangelo Gulli, il presidente dell’associazione commercianti 'Una finestra su Regio Parco' -. Sono tante le persone che vengono a rubare, la maggior parte sono zingari provenienti da lungo Stura Lazio. Questi individui, però, devono essere puniti altrimenti rischiamo di diventare noi cittadini il prossimo bersaglio".


Il via vai in via Salgari preoccupa da tempo anche i residenti. Impossibile, infatti, bloccare ed identificare ogni individuo sospetto. "Abbiamo visto numerose persone sospette negli ultimi mesi - spiegano due cittadini -. Sappiamo che è una zona a rischio ma abbiamo piena fiducia nelle forze dell’ordine e speriamo che la situazione possa migliorare". Almeno una decina di persone sono state fermate nell’ultimo anno. L’ultima soltanto un mese fa. In attesa di capire quale strategie verranno adottate per tenere lontani i malintenzionati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ladri assediano il centro della raccolta differenziata di via Salgari

TorinoToday è in caricamento