Cronaca

In migliaia ad Asti per l'ultimo saluto all'artista Giorgio Faletti

La moglie Roberta e gli amici più stretti hanno indossato, in suo onore, una maglia con su scritta la frase di un poeata astigiano: "Non è vederti, non è sentirti, ma tra sussurri respirarti"

Sono migliaia le persone che oggi, alle 15, hanno affollato la chiesa Collegiata e la piazza di San Secondo ad Asti per dare l'ultimo saluto a Giorgio Faletti.

Dopo la folla accorsa in questi giorni alla camera ardente allestita alle Molinette prima ed al teatro Alfieri di Asti dopo, anche i funerali hanno evidenziato l'amore che i piemontesi riponevano nel famoso artista. Non solo cittadini, ma anche personaggi del mondo dello spettacolo, come Enrico Beruschi, Ugo Conti e Franco Neri.

"Non è vederti, non è sentirti ma tra sussurri respirarti". E' questa la frase scritta sulle maglie indossate dalla moglie di Faletti e dai suoi amici più stretti, scritta da Massimo Levo, un poeta astigiano. Maglia indossata dalla compagna Roberta anche durante gli ultimi giorni di ricovero in ospedale.

"Si vedeva subito che Giorgio era uno bravo - ha dichiarato l'amico e collega Enrico Beruschi -. Perchè non era solo un comico, era qualcosa di più".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In migliaia ad Asti per l'ultimo saluto all'artista Giorgio Faletti

TorinoToday è in caricamento