menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il corteo che ha paralizzato la città (foto da Facebook di Nuccia Barile)

Il corteo che ha paralizzato la città (foto da Facebook di Nuccia Barile)

Addio al patriarca rom, il funerale diventa una festa itinerante con carrozze e cavalli

E poi un maxi-pranzo

Ha destato curiosità e anche bloccato il traffico in mezza città, nella mattinata di ieri, venerdì 31 maggio 2019, il corteo funebre di Idriz Seferovic, capo di uno dei clan rom bosniaci più importanti della provincia morto qualche giorno prima a 66 anni all'ospedale San Vito per un tumore ai polmoni. I familiari si sono autotassati e hanno dato vita a una sorta di festosa carovana itinerante con banda musicale e carrozze, che ha terminato il suo percorso al cimitero monumentale, dove si sono tenute le esequie con rito musulmano.

Alla manifestazione hanno partecipato circa 200 persone. Alla cerimonia è seguito un maxi-pranzo (abusivo) nel parcheggio del supermercato Il Gigante di corso Mortara. Da quelle parti, da qualche tempo, viveva il patriarca, in un camper, dopo avere lasciato gli insediamenti del campo nomadi di strada Aeroporto. Dei numerosi figli che aveva alle esequie mancavano i due minorenni, a cui i servizi sociali non hanno permesso di partecipare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento