rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca Piossasco

A Piossasco il funerale di Roberto Mottura, ucciso in casa dai rapinatori: "La famiglia era il suo sogno"

Nessuna novità dalle indagini

Si sono tenuti nella mattinata di oggi, lunedì 21 giugno 2021, nella chiesa dei Santi Apostoli di Piossasco, i funerali di Roberto Mottura, l'architetto 49enne ucciso durante una rapina nella sua casa in via del Campetto 33, dove viveva con la moglie e il figlio, la notte dello scorso 9 giugno. La chiesa era gremita di parenti e amici dell'uomo, ma anche di persone che hanno voluto fare sentire alla famiglia la loro solidarietà.

“Roberto - ha detto il parroco don Giacomo Garbero durante l’omelia - ha coltivato nella famiglia un grande sogno, l’amore per i valori della vita con le persone che hanno condiviso con lui le stesse attese e speranze. Il sogno ci ricorda che il meglio deve ancora venire. Il sogno che Dio ha messo nel suo cuore non è una meta irraggiungibile. Il sogno di una società più umana e fraterna trova infatti il suo compimento nella resurrezione. Ora Roberto, dal cielo veglia su tutti noi”.

Dal punto di vista delle indagini, al momento, non si registra alcuna novità o quantomeno gli investigatori, se ve ne sono, stanno mantenendo il massimo riserbo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Piossasco il funerale di Roberto Mottura, ucciso in casa dai rapinatori: "La famiglia era il suo sogno"

TorinoToday è in caricamento