Cronaca Rebaudengo / Via Rocco Scotellaro

Fumi dai campi nomadi, lettera di protesta dei residenti

Dal quartiere Rebaudengo è partita una lettera indirizzata all'assessore alle Politiche Sociali Elide Tisi. Intanto i cittadini preparano un nuovo esposto

Una protesta, l’ennesima. Dal Rebaudengo si rialza la protesta per i fumi dei campi nomadi. Questa volta con una lettera di fuoco che il Gruppo Spontaneo E/4 del quartiere Rebaudengo ha inviato di recente al vicesindaco della Città di Torino Elide Tisi. “Siamo dei cittadini di via Scotellaro e da anni viviamo tra due fuochi, tra via Germagnano e lungo Stura Lazio” questo l’inizio del racconto. Parole che lasciano traspirare amarezza e insoddisfazione per un problema che non lascia dormire interi quartieri.

E così allegate alla lettera sono state inviate le foto dell’ultimo incendio al campo nomadi abusivo e la storia delle borgate della circoscrizione Sei e dei suoi residenti, costretti in qualsiasi periodo dell’anno – sia d’inverno che d’estate - a sigillare le finestre di casa per non far entrare quei terribili e nauseabondi fumi tossici provenienti da quelle baraccopoli dove ogni giorno si bruciano materiali velenosi e pericolosi per la salute dell’uomo. “Sappiamo che il 9 settembre e' stata approvata la delibera di sgombero del campo abusivo di lungo Stura Lazio – racconta Valter, portavoce delle proteste -. Noi  eravamo sotto il Comune a protestare con striscioni e mascherine antigas. Siamo  consapevoli delle difficoltà che ci sono e ci saranno ma siamo stufi di respirare gas tossici”.

Dalla Barca al Rebaudengo è in corso una nuova raccolta firme con tanto di esposto da inviare alle forze dell’ordine e alla Procura della Repubblica. “Noi chiediamo che la Città dia un’occhiata alle nostre foto – continua Valter -. Almeno per fare in modo che non si verifichino più questi pericolosi spargimenti di diossina. Sarebbe un gesto importante per chi come noi paga le tasse ma è costretto a vivere come se fosse in trincea”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fumi dai campi nomadi, lettera di protesta dei residenti

TorinoToday è in caricamento