menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Scappano all’alt, ma vengono raggiunti e bloccati: refurtiva recuperata

In auto trovati 1.560 euro in contanti, due anelli, un orologio in oro e attrezzi utili allo scasso

Sono stati sorpresi a bordo di un’auto rubata e priva di assicurazione e all’alt dei poliziotti hanno reagito premendo il piede sull’acceleratore. È accaduto lunedì 26 giugno intorno alle 14 presso lo svincolo di uscita della Torino-Caselle.

I due, cittadini di nazionalità moldava, erano a bordo di una Fiat Croma quando hanno ignorato l’alt imposto dagli agenti e tentato la fuga in direzione di via Massari dove, dopo un rocambolesco inseguimento, l’auto è stata abbandonata dai due occupanti che hanno proseguito la fuga a piedi durata pochi minuti. All’interno dell’auto, risultata rubata ad Alba (Cn) un mese prima, sono stati rinvenuti 1.560 euro in contanti, due anelli, un orologio in oro e degli attrezzi utili allo scasso; il materiale è stato sequestrato e è disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il passeggero, una volta denunciato in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione, veniva trattenuto negli Uffici della Questura a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’avvio delle pratiche di espulsione, mentre per il conducente è scattato l’arresto con l’immediata carcerazione presso la Casa Circondariale “Lorusso e Cotugno” di Torino.

Il conducente, infatti, a seguito degli accertamenti svolti in Questura, risultava ricercato in quanto, dopo essere evaso dagli arresti domiciliari, concessi dal Tribunale dopo una precedente condanna, doveva scontare la pena in Carcere come previsto dalla Corte d’Appello di Torino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento