Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Cenone di Capodanno a base di pesce? Attenzione alle fregature

L'Istituto Zooprofilattico di Torino ha redatto una guida visitabile online dove è possibile venire a conoscenza di alcuni dettagli circa le specie ittiche per non incappare in frodi commerciali

Per ogni Capodanno che si rispetti, si sa, il cenone è d'obbligo. Attenzione però ai menù a base di pesce, soprattutto se si sceglie di trascorrere la notte di San Silvestro a casa con amici e parenti e d'improvvisarsi cuochi.

A mettere in guardia è l'Istituto Zooprofilattico di Torino che, attraverso una guida impeccabile pubblicata online - Ok il pesce è giusto - insegna al consumatore a riconoscere le specie ittiche che più spesso possono essere oggetto di frode e dettagli per non confondere il pesce fresco con quello surgelato. Molti pesci, soprattutto in occasione delle festività natalizie, vengono, infatti, sostituiti con altrettante specie di valore economico decisamente inferiori, spacciandole per altre.

Il manuale, redatto dagli esperti dei laboratori di Genetica e di Istopatologia dell'Istituto Zooprofilattivo, tuttavia, illustra come effettuare acquisti consapevoli e non incappare nelle solite frodi di fine anno.

Innanzitutto è opportuno fare molta attenzione a riconoscere il pesce fresco da quello conservato: la mancata indicazione del processo di conservazione costituisce, infatti, una potenziale frode commerciale. Il pesce, per essere fresco, deve avere un aspetto brillante e metallico, con colori iridiscenti. All'acquisto deve avere una certa rigidità che dovrebbe permanere per almeno 6-7 ore.

Un aspetto importante da tenere in considerazione è l'occhio del pesce, il quale dev'essere di colore molto vivo, brillante, bombato, turgido e non incavato. L'occhio di un pesce avariato, infatti, si presenta spesso storto e con la pupilla grigia. Anche l'odore, per quanto possibile, in un pesce fresco deve essere decisamente gradevole.

"Il consumatore informato può fare molto per difendersi da alcuni tipi di frodi commerciali - dice il direttore dell'Istituto Maria Caramelli - sapere quali sono le caratteristiche peculiari da individuare per riconoscere una specie ittica prelibata rispetto ad una molto simile, ma di minor pregio, è indispensabile per un acquisto consapevole".

Nella guida visitabile sul sito www.izsto.it è possibile, attraverso descrizioni e fotografie, venire a conoscenza delle caratteristiche principali di un pesce, indispensabili per non essere fregati dagli esperti del mestiere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cenone di Capodanno a base di pesce? Attenzione alle fregature

TorinoToday è in caricamento