Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Sanità: Italia terza nel mondo e Torino eccelle con Fornaca e Molinette

Tre i criteri di valutazione adottati, che compongono complessivamente rispettivamente il 60, il 30 e il 10% dell’intero indice di giudizio: l’aspettativa di vita, il tasso medio di incidenza del costo cure rispetto al PIL (prodotto interno lordo) e le spese mediche pro capite

Finalmente, un’ottima notizia. Con buona pace di chi dice che siamo sempre indietro su tutto. La sanità italiana occupa il terzo posto nella classifica mondiale dei migliori sistemi di salute. A dichiararlo sono i principali giornali economici italiani, riferendo sulla base di informazioni desunte dalle maggiori banche dati esistenti a riguardo, quali quelle dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), Banca Mondiale, FMI (Fondo Monetario Internazionale) e il Dipartimento della Salute di Hong Kong, la piazza di internalizzazione d’affari più importante al momento al mondo, crocevia di scambi delle nuove macroeconomie globali.

Tre i criteri di valutazione adottati, che compongono complessivamente rispettivamente il 60, il 30 e il 10% dell’intero indice di giudizio: l’aspettativa di vita, il tasso medio di incidenza del costo cure rispetto al PIL (prodotto interno lordo) e le spese mediche pro capite.

L’indagine, promossa dall’autorevole testata finanziaria Bloomberg, si rifà a un panel di partenza comprensivo di Paesi con abitanti dalla vita media non inferiore a 70 anni, con un reddito a testa oltre i 5.000 dollari, e una popolazione superiore ai 5 milioni di individui. Per una volta tanto, saliamo di posizione ove gli altri arretrano.

Aspetto considerevole, il fatto che in Italia esista un alto tasso di specializzazione medica, che ha visto negli ultimi trent’anni il proliferare di una serie di strutture, cosiddette – di eccellenza -, ciascuna delle quali costituisce un Unicum e un must all’interno della branca medica in cui opera.

Sia pubbliche che private. Come dimostrano, a Torino, cliniche eccellenti quali, ad esempio, la rinomata Fornaca, e nosocomi di primo piano quali il San Giovanni Battista, meglio noto ai più come ospedale Molinette al cui interno operano – in tutti i sensi – primari di fama mondiale quali il Professor Salizzoni, luminare internazionale in materia di trapianti di fegato caratterizzati da notevoli curve di sopravvivenza dei pazienti che si stagliano al vertice dei massimi livelli europei.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: Italia terza nel mondo e Torino eccelle con Fornaca e Molinette

TorinoToday è in caricamento