Cronaca Crocetta / Corso Castelfidardo, 22

Fondazione Crt: 130 milioni di investimento per le ex Ogr

Sarà un grosso investimento, a cui seguiranno due anni di lavoro per il restauro. Questo è il futuro plausibile per l'edificio ad H delle ex Officine Grandi Riparazioni

Dopo quasi due ore di discussione in Commissione Cultura e Urbanistica (riunite in seduta congiunta e coordinate dai presidenti Luca Cassiani e Domenico Carretta), la delibera di accordo tra l’amministrazione comunale e la Fondazione Crt relativa all’edificio ad H delle ex Ogr è stata oggi liberata per l’approvazione definitiva da parte del Consiglio comunale.

Per l’ottocentesco edificio di corso Castelfidardo, ampio circa 19 mila metri quadrati, fulcro delle manifestazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, si delinea una trasformazione in polo espositivo museale e della ricerca scientifica e tecnologica.

L’operazione prevede l’acquisto da parte della Fondazione Crt dell’intero complesso da Rfi (Rete Ferroviaria Italiana, società del gruppo Ferrovie dello Stato italiane) e la cessione dello stesso edificio al Comune di Torino. Subito dopo l’amministrazione comunale darà l’immobile in convenzione novantanovennale alla Fondazione Crt.


Come hanno annunciato i vertici della Fondazione in Commissione Cultura nei giorni scorsi, siamo alla vigilia di un investimento milionario. Il segretario generale della Fondazione, Angelo Miglietta, ha parlato di 130 milioni di euro. Cinquanta milioni occorrono per il restauro dell’edificio (due anni di lavori, con termine del cantiere previsto per l’inizio del 2015 e l’avvio dell’Expo), mentre altri 80 rappresentano la dotazione finanziaria della nascente Fondazione Ogr-Crt, il futuro gestore della struttura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Crt: 130 milioni di investimento per le ex Ogr

TorinoToday è in caricamento