Cronaca Filadelfia / Via Filadelfia, 40

"Storico" Filadelfia: nel 2016 lo stadio granata sarà ultimato

Il progetto prevede di completare i lavori per il 4 maggio 2016. Si prevede non solo lo stadio, ma anche una cittadella granata, con museo e una grande piazza di 2mila metri quadri

Ricostruire. Il progetto c’è, e sta per essere messo in pratica; non solo, c’è pure una data, un bel 4 maggio 2016 da segnare sui calendari per veder di nuovo in piedi lo storico “Fila”, la perla del quartiere omonimo e il sancta sanctorum dei tifosi granata. La Fondazione non intende dunque perdere tempo: il 4 maggio 2016 è un termine vicino, ma evidentemente non impossibile da raggiungere.

Il progetto del nuovo stadio è firmato dagli architetti Marco Aimetti ed Eraldo Martinetto: due campi per l’allenamento e uno per le partite della Primavera, con tribune in grado di ospitare 4200 persone. Non solo: davanti allo stadio sorgerà anche una piazza di 2mila metri quadrati, con lampioni intitolati ai grandi campioni. Qui si avrà anche la sede sociale della squadra. Un bel progetto, che in Comune intendono portare avanti, per far sì che il degrado del quartiere abbia fine, ma soprattutto per ridare gloria al vecchio Fila, demolito per metà e adesso ridotto ad un misero rudere urbano.

La Fondazione Filadelfia ha già ricevuto il primo milione di euro, parte die 3.5 milioni che saranno necessari per permettere i lavori. Contando anche la cittadella granata, i costi aumentano a 8 milioni.

Si tratterà comunque di un progetto rispettoso dell’originale, anche per rispetto verso un luogo che è stato il cuore pulsante del Torino. Poi, l’abbandono che tutti conosciamo. Se i lavori finiranno davvero nel 2016, però, si potrà forse parlare di una rinascita anche della memoria: al complesso sarà infatti annesso anche un museo. Il quartiere, di certo, non attende altro per poter tornare a parlare di una sua ripresa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Storico" Filadelfia: nel 2016 lo stadio granata sarà ultimato

TorinoToday è in caricamento