Sì del parroco alla “Serata della Madonna”, ma alcuni fedeli protestano

A Rocca Canavese è scoppiato il caso per il manifesto che annuncia la festa finalizzata alla raccolta fondi per la chiesa

Una Madonna in versione moderna come a volte si è abituati a vedere la Monna Lisa, volendo anche in versione “pop”.

Il manifesto, irriverente, con la Madonna con occhiali da sole, cappello da marinaio e un disco di vinile tra le mani invita a partecipare alla festa di Rocca Canavese, anzi alla “Serata della Madonna (assunta in cielo)”.

L’affissione ha avuto il benestare del parroco eppure ha offeso alcuni fedeli che hanno chiamato la polizia municipale per far rimuovere il manifesto “blasfemo”, dallo slogan forse esagerato.

E' stato un gruppo di ragazzi ad organizzare la festa con musica dance nei locali della parrocchia con l’intento di raccogliere fondi per sistemare il pavimento della chiesa di Rocca Canavese, dedicata proprio alla Madonna.

E per farlo ha puntato anche sui manifesti che usano il linguaggio dei giovani, ma che sono stati rimossi per non urtare la sensibilità dei fedeli più conservatori.

Comunicativamente parlando gli organizzatori hanno colto nel segno e la festa sabato sera, 18 giugno, si terrà comunque.

Potrebbe interessarti

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

  • Auto sui binari del tram

  • Vuoi diventare una persona mattiniera? 6 consigli per un risveglio al top

I più letti della settimana

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Cade dal balcone di casa: muore appena arrivata in ospedale

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Moto si scontra con un motocarro: il centauro muore in breve tempo

  • Trovato morto nella sua auto nei campi: si è sparato un colpo di fucile

Torna su
TorinoToday è in caricamento