Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Via Cernaia

198 anni dell'Arma dei Carabinieri, festa col ministro Fornero in via Cernaia

Presente alla celebrazione anche il ministro del Lavoro Elsa Fornero, che ha definito l'Arma "un punto di riferimento istituzionale di tutti i cittadini nell'ambito di una nostra rafforzata democrazia"

La festa all'interno della caserma Cernaia

C'è bisogno di più militari nelle stazioni dei carabinieri, soprattutto in quelle ridotte oggi all'organico minimo, "al fine di elevare ancor di più il numero dei servizi preventivi e di prossimità": lo ha annunciato oggi, durante la Festa dell'Arma in corso a Torino, il generale Pasquale Lavacca, comandante della Legione carabinieri Piemonte e Valle d'Aosta. "Il cittadino - ha aggiunto Lavacca - ha bisogno di vedere, toccare e parlare con il carabiniere". Il gen. Lavacca ha ricordato che "non ci è favorevole la nuova normativa sugli arrestati, trattenuti in camera di sicurezza, che vede un impegno maggiore di uomini in caserma per la loro custodia e traduzione davanti al giudice, né l'andamento dei servizi di ordine pubblico, che ci vede impegnati soprattutto in Val di Susa per le problematiche legate alla Tav".

Analizzando la situazione attuale dell'arma, Lavacca ha polemizzato: "Non è favorevole una cronica carenza di uomini che, nonostante ogni sforzo compiuto dal Comando generale, ci vede con una media del 6-7% di carenze di organico. Proprio in tal senso - ha concluso - è in atto un'ulteriore revisione degli organici dei reparti di carattere amministrativo e logistico, già ridotti al 3,3% della forza, ben al di sotto del 10% segnalato dalle leggi finanziarie quale obiettivo delle pubbliche amministrazioni, pur mantenendo inalterata la capacità di programmazione e gestione". L'arrivo di un centinaio di nuovi carabinieri destinati alle 343 stazioni e alle quattro tenenze piemontesi e valdostane, ha precisato il generale Lavacca a margine della festa, è imminente. Altre nuove unità arriveranno in due tranches, una a luglio e una in autunno. "L'obiettivo - ha spiegato Lavacca - è potenziare circa 45 stazioni dell'Arma presenti sul nostro territorio che risultano in carenza di organico e fare in modo che possano avere tutte almeno sei-otto unità".

Anche Elsa Fornero è intervenuta nel dibattito, partecipando alla cerimonia del 198° anno di fondazione dell'Arma dei Carabinieri: "Il mio augurio, che è poi quello di tutti gli italiani - ha detto il ministro - è che l'Arma dei Carabinieri possa continuare a essere un punto di riferimento istituzionale di tutti i cittadini nell'ambito di una nostra rafforzata democrazia. Un'Arma dei Carabinieri efficiente, in buona salute e presente sempre è una delle premesse fondamentali per un'Italia più unita, più efficiente e in migliore salute". Fornero ha poi lodato l'azione svolta dall'Arma nella lotta alla criminalità ma anche nella tutela del lavoro "con compiti diretti ad accertare la violazione in termini di diritto del lavoro e di rispetto delle norme sulla sicurezza e per la salute nei luoghi di lavoro".

(fonte ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

198 anni dell'Arma dei Carabinieri, festa col ministro Fornero in via Cernaia

TorinoToday è in caricamento