menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tav: su furgone sequestrato maschere antigas, petardi e mazze

All'interno del furgone le forze dell'ordine hanno rinvenuto diversi artifizi pirotecnici, mazze da muratore, maschere antigas, medicinali per proteggersi dagli effetti dei lacrimogeni

Maschere antigas e di Anonymous, artifizi pirotecnici, scudi in plexigas, mazze da muratore e numeroso altro materiale atto all'offesa e al travisamento. E' questo il materiale sequestrato dalla Digos e dai carabinieri di Torino all'interno di un furgone che seguiva il centinaio di manifestanti protagonisti delle violenze di ieri in occasione della manifestazione No Tav in Val Susa.

Nel corso della manifestazione, infatti, un gruppo di circa 100 manifestanti, abbigliati di nero, travisati con passamontagna, cappucci e maschere antigas, inquadrati e compatti dietro scudi di plexiglas, hanno, a più riprese, sferrato attacchi nei confronti delle forze dell’ordine schierate a protezione dei varchi, con lancio di pietre, bottiglie, razzi e artifizi pirotecnici. Il blocco nero, è riuscito, inoltre, ad abbattere uno degli sbarramenti realizzati a ridosso dell’area di interesse strategico nazionale.

Al termine dell’iniziativa, subito dopo l’ultimo attacco alle forze di polizia, durante il deflusso dei manifestanti, il personale della Digos ha intercettato e fermato un furgone bianco utilizzato dai facinorosi per diffondere, attraverso un apparato stereofonico, slogan incitanti la violenza e prelevare/riporre materiale utilizzato dai violenti per perpetrare le azioni delittuose.

Sul mezzo sono stati sorpresi e denunciati, un noto attivista del c.s.a Askatasuna (P.G. del 1976) ed un esponente del Comitato di Lotta Popolare contro l’alta velocità di Bussoleno (S.D. del 1981), entrambi
pregiudicati per reati commessi in occasione di pubbliche manifestazioni.

Nel contesto delle violenze, inoltre, sono stati fermati altri due manifestanti e denunciati in concorso per i reati di resistenza e violenza aggravata a pubblico ufficiale, nonchè per violazione dell'ordinanza prefettizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento