Cronaca

Capodanno: dieci feriti nei festeggiamenti, nel Canavese un uomo perde 4 dita

Bilancio provvisorio di Capodanno: 10 persone ferite, tra cui 3 minorenni. La maggior parte degli incidenti sono avvenuti fuori Torino, a Rivoli, Ivrea, Nichelino e San Maurizio Canavese

Fotografia di Gabriele Bolognesi (TorinoToday)

Come purtroppo accade ogni primo giorno dell'anno, la mattina dopo la notte di Capodanno si fa la conta delle persone rimaste ferite durante i festeggiamenti.

Nonostante i divieti di sparare i fuochi artificiali in città e in provincia si sono sentiti diversi botti, alcuni dei quali hanno causato il ferimento di 10 persone (di cui tre minorenni), la maggioranza delle quali fuori Torino, a Rivoli, Ivrea, Nichelino e San Maurizio Canavese. Quattro persone hanno riportato prognosi cha vanno dai 20 ai 60 giorni, gli altri sono invece feriti lievi.

La persona rimasta ferita più gravemente è un cittadino romeno, classe 1976, che a San Maurizio Canavese, nel corso dei festeggiamenti, ha perso quattro dita della mano sinistra a seguito dell'esplosione di una "cipolla".

Onde evitare la vendita e l’utilizzo di botti pericolosi, nell'ultima giornata del 2013, gli agenti di Polizia avevano controllato diverse zone della città. In piazza Castello, all'angolo con via Pietro Micca, hanno sequestrato oltre 8 chilogrammi di materiale esplodente detenuto in maniera illegittima da due cittadini pakistani: si tratta di un migliaio di pezzi, tra petardi, razzi e fontane, molti dei quali non classificati di fabbricazione cinese e quindi molto pericolosi.

Altri 5 chilogrammi di artifici pirotecnici contraffatti, di fabbricazione cinese, sono stati rinvenuti e sequestrati a carico di ignoti, in piazza San Carlo, dove si stava svolgendo la programmata festa, che non ha registrato incidenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno: dieci feriti nei festeggiamenti, nel Canavese un uomo perde 4 dita

TorinoToday è in caricamento