Cronaca

Torino, i sei fatti e avvenimenti più importanti avvenuti a Torino nel 2014

Il 2014 è volato via e si porta con sé tanti fatti e misfatti che hanno caratteriazzato dodici lunghi mesi. A Torino e in provincia non sono mancati avvenimenti di cronaca, politica e sport degni da essere ricordati

L'anno appena passato è stato particolare per la città di Torino: si è aperto con lo sgombero del campo nomadi abusivo sulle sponde dello Stura, per poi passare alla tragedia che ha colpito l'istituto Agnelli di corso Unione Sovietica con la morte dello studente di dodici anni. I primi mesi sono stati caratterizzati anche dalla politica, con la corsa alla poltrona di piazza Castello e la vittoria del Pd di Sergio Chiamparino, eletto nuovo Presidente della Regione Piemonte al posto di Roberto Cota. Non solo cronaca e politica, ma anche sport: la Juventus di Antonio Conte, oggi ct della nazionale, vince il terzo scudetto di seguito facendo il record di sempre di punti in serie A.

Insomma, di notizie, belle o brutte che fossero, non sono mancate. Proviamo dunque a ripercorrere in poche righe quello che è stato il 2014 torinese.

ELEZIONE SERGIO CHIAMPARINO

chiamparino-3-4

Da fine maggio l'ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino è il nuovo Presidente della Regione Piemonte. Una vittoria "schiacciante" la sua, andata ben oltre le più rosee aspettative. Oltre un milione le preferenze prese da Chiamparino, con una percentuale che sfiora il 50%. Dietro di lui il vuoto: male il Movimento 5 Stelle, solo terzo con il 21,45% preso da Davide Bono, e il centro destra che con Gilberto Pichetto Fratin ha preso il 22.09%. "Sarò il sindaco dei piemonesi" le sue prime parole. Questa la sua Giunta: Aldo Reschigna al Bilancio, Francesco Balocco ai Trasporti, Monica Cerutti alle Pari Opportunità, Giuseppina De Santis alle Attività Produttive, Augusto Ferrari alle Politiche Sociali, Giovanni Maria Ferraris allo Sport, Giorgio Ferrero all'Agricoltura, Antonella Parigi alla Cultura e Gianna Pentenero all'Istruzione.

VITTORIA SCUDETTO JUVENTUS

juventus-14

I bianconeri dell'ultimo Antonio Conte battono ogni record: prima squadra a superare quota 100 punti, prima squadra a vincere il terzo scudetto di seguito da quando c'è il girone unico, prima squadra a superare i trenta scudetti vinti (non solo "sul campo"). Un'annata fenomenale che ha visto la Juventus battere una Roma agguerrita che fino all'ultimo è stata dietro la capolista. Bene, anzi benissimo, in campionato, meno bene in Europa dove, dopo l'eliminazione-beffa nel girone di Champions League, c'è la seconda beffa in Europa League: con la finale che si gioca proprio a Torino, i bianconeri arrivano solo fino in semifinale. E' comunque l'anno dei nuovi volti: Tevez, Llorente, Pogba, Vidal sono i nuovi beniamini dei tifosi e la base da cui ripartire con il nuovo tecnico Massimiliano Allegri.

MORTE MARIA GRAZIA GONELLA

gonella-2

Tragedia alle porte di Torino a metà giugno. La logopedista 51enne dell'Asl di Nichelino, Maria Grazia Gonella, scompare da casa a Borgaretto mentre con la sua bicicletta si reca a lavoro. Nessuno ha più sue notizie per giorni, amici, parenti, pazienti e tante altre persone si mobilitano per ritrovarla, sia scandagliando la città e la prima cintura di Torino, sia tappezzando diverse zone con fotografie e riferimenti. Il 20 giugno però il dramma si materializza: Maria Grazia viene trovata morta impiccata a un albero nei boschi di Stupinigi. Tanta la tristezza per tutti coloro che si erano adoperati per rivederla viva, riunitisi tutti in una fiaccolata in memoria della logopedista qualche giorno dopo il ritrovamento del corpo senza vita.

MURAZZI E SAN SALVARIO

murazzi-3-5

La Movida torinese cambia location. Con la chiusura dei Murazzi, avvenuta parecchi mesi fa, i giovani si spostano nelle vie di San Salvario per passare le serate estive. Questo crea parecchi problemi ai residenti che si fanno sentire più volte con l'amministrazione. A prendere in mano la situazione è il Sindaco Piero Fassino che a fine luglio firma un'ordinanza con cui impone ai dehors e ai locali stessi la chiusura anticipata. Il provvedimento sembra funzionare, cosa che non piace ai gestori, i quali provano a far annullare il documento senza tuttavia riuscirci. Contemporaneamente tornano a vivere anche i Murazzi, seppur in maniera differente rispetto al passato: spunta una spiaggia al bordo del fiume, così come un campo da beach soccer e da beach volley, ampio spazio alla cultura con presentazioni, concerti e quadri. Il tutto fino a mezzanotte, ora in cui i Murazzi chiudono.

MORTO GIORGIO FALETTI

faletti-2

Il 4 luglio si spegne all'ospedale Molinette l'artista Giorgio Faletti, da tempo malato. A dare la triste notizia è il direttore de La Stampa Mario Calabresi con un tweet: "E' morto Giorgio Faletti, un uomo dalle tante vite, tutte ben fatte". Grandissima la commozione della città di Torino per la scomparsa di Faletti, in migliaia fanno visita alla camera ardente e altrettanti prendono parte all'ultimo saluto che viene dato nella sua Asti.

RAPIMENTO INVENTATO A BORGARO - Shock a Borgaro a fine settembre: il papà di un bambino di tre anni denuncia il tentato rapimento del figlio durante la festa organizzata in occasione della festa patronale di Borgaro. Si crea panico nel comune alle porte di Torino, intervengono i carabinieri e il sindaco stesso per tranquillizzare i cittadini. Il genitore, un operaio di 31 anni, racconta più volte la storia, andando anche in televisione. Tutto fino a quando i militari dell'Arma svelano la verità: Nessun rapimento, nessun pugno in faccia e nessuna Renault 19: il tentato sequestro del bambino di appena tre anni era stato inventato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, i sei fatti e avvenimenti più importanti avvenuti a Torino nel 2014

TorinoToday è in caricamento