Cronaca

Fassino: "L'auto continuerà ad essere elemento fondamentale di Torino"

Il sindaco è intervenuto in apertura del consiglio comunale sulla vicenda dello spostamento della sede legale di Fca in Olanda: "“Dobbiamo batterci perché Torino continui a essere uno dei più importanti hub dell’auto del mondo"

Intervenendo nel pomeriggio sulla questione del trasferimento della sede legale di Fiat Chrysler, il sidnaco di Torino Piero Fassino ha spiegato che si tratta i un processo iniziato cinque anni fa, per creare “un grande gruppo industriale dell’auto (il settimo nel mondo) in grado di competere a livello mondiale, su ogni area di mercato e con prodotti di ogni gamma e fascia di prezzo”.

“Se fossero rimaste imprese distinte, Fiat e Chrysler oggi probabilmente non esisterebbero più – ha agigunto Fassino – La nascita del nuovo gruppo è una grande opportunità per il Paese e per il sistema industriale di Torino, che permette a Fiat di tornare a essere un produttore automobilistico competitivo non solo a livello internazionale, ma mondiale, e di dare certezze occupazionali ai lavoratori”.

Il sindaco ha ricordato che la sede legale e fiscale non ha rilievo sugli assetti produttivi del gruppo: “Conta dove sono gli stabilimenti produttivi: Cnh Fiat ha sede in Olanda da 21 anni senza alcuna ripercussione sulla produzione. Piuttosto,occorre una riflessione generale sulla fiscalità in Italia e un’armonizzazione delle politiche fiscali europee. E non dimentichiamo che Fiat ha fatto il più grande investimento italiano degli ultimi 10 anni nella ex Bertone, dove lavoravano 1.200 dipendenti, che senza quell’investimento erano senza alcun futuro”.

Per Fassino però è importante che la Fiat continui a considerare “l’Italia un pilastro strategico in Europa” e Torino il suo quartier generale in Europa. “Dobbiamo batterci perché Torino continui a essere uno dei più importanti hub dell’auto del mondo, anche perché qui opera un ampio settore dell’indotto e della componentistica, che ha saputo riqualificarsi e diventare sempre più internazionale (Torino è la seconda area per esportazioni in Italia). La città, inoltre, è sede di un numero crescente di attività di ricerca, innovazione, ideazione, design e stile di grandi gruppi internazionali: non solo Fiat, ma anche GM (con la Powertrain al Politecnico) e Volkswagen (che ha spostato qui da Verona la direzione commerciale)”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fassino: "L'auto continuerà ad essere elemento fondamentale di Torino"

TorinoToday è in caricamento