Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Tre famiglie di Torino intossicate dopo avere mangiato il salame acquistato via web: intervengono anche i pompieri

Aperta un'inchiesta

Intervento congiunto di vigili del fuoco e ispettori dell'Asl Torino nel pomeriggio di venerdì 4 dicembre 2020 in via Massena con tanto di chiusura della strada nel tratto interessato. Il tutto per recuperare un salame che una famiglia composta da padre, madre e figli aveva acquistato via web da un'azienda agricola del Pinerolese. I componenti, dopo averlo mangiato, si erano sentiti male accusando fortissimi dolori intestinali. Hanno chiamato il proprio medico di base che ha dato il via all'intervento con tanto di nucleo batteriologico, tute specifiche e bombole d'ossigeno. Alla fine il salame è stato recuperato, mentre la famiglia se l'è cavata con le cure a casa. Nessuno era contagiato dal coronavirus.

Poco dopo, gli ispettori del dipartimento di prevenzione dell'Asl hanno avuto notizia di altri due casi di intossicazione di persone che avevano acquistato salami dalla stessa azienda. I verbali sono finiti sul tavolo del pm Alessandro Aghemo, che ha aperto un fascicolo sull'accaduto per atti relativi, senza ipotesi di reato né indagati. Nessuna delle famiglie ha legami con le altre. Gli acquisti sono stati effettuati mediante una piattaforma Whatsapp. Non è escluso che i salami fossero buoni in origine e che ci siano stati problemi durante le procedure di trasporto e consegna che ne hanno alterato la qualità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre famiglie di Torino intossicate dopo avere mangiato il salame acquistato via web: intervengono anche i pompieri

TorinoToday è in caricamento