Fallisce Rosso Garibaldi, la catena di cover per smartphone

L'azienda era nata a Torino nel 2013

Un'altra brutta notizia dal mondo del lavoro. La catena di negozi specializzati in accessori per smartphone Rosso Garibaldi ha presentato istanza di fallimento. L'azienda, torinese d'origine - con sede legale in piazza San Carlo e sede operativa a Chieri - è nata nel 2013 da un'idea di Claudio Gottero, già esperto nel settore ed ha aperto in pochi anni, sull'intero territorio nazionale, oltre 300 punti vendita.

Tra questi, nel Torinese, anche il negozio presente al centro commerciale Le Gru. Obiettivi ambiziosi in origine, che avrebbero dovuto portare il marchio anche oltre confine. Purtroppo però sono sorte difficoltà finanziarie insormontabili e, a pochi giorni dalla fine del 2017, la notizia del fallimento è arrivata ai dipendenti come un fulmine a ciel sereno. 

I negozi di Rosso Garibaldi dovrebbero restare aperti in attesa delle decisioni del curatore fallimentare che verrà nominato a breve. Purtroppo però chi aveva i contratti in scadenza non li vedrà rinnovati. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento