Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

'Ndrangheta, l'incontro tra il sindaco di Rivarolo e i boss

Non è indagato Fabrizio Bertot, ma Antonino Battaglia, uno dei suoi collaboratori, è stato arrestato per voto di scambio. Lui dice: "So di essere pulito, vengo tirato in mezzo per un pranzo elettorale"

Nell'inchiesta Minotauro che sta portando alla luce rapporti quantomeno poco limpidi tra la 'ndrangheta e numerosi politici e imprenditori del torinese, è stato travolto anche se indirettamente Fabrizio Bertot, il sindaco di Rivarolo canavese. Lui non è indagato, ma Antonino Battaglia, uno dei suoi collaboratori, è stato arrestato per voto di scambio. Alle elezioni europee del 2009 avrebbe avuto grazie a Battaglia l'appoggio di alcuni boss della zona.


Fabrizio Bertot in un'intervista a La Stampa si dice "frastornato": "So di essere pulito. Vengo tirato in ballo per un incontro che, per me, era solo un pranzo con potenziali elettori. Mai e poi mai mi sarei aspettato tutto questo". La data incriminata è il 27 amggio 2009. L'attuale sindaco partecipò a un pranzo elettorale al Bar Italia di via Veglia a Torino. Non immaginava che quelli che gli furono presentati come "amici calabresi" erano 14 esponenti di famiglie calabresi appartenenti al mondo della 'ndrangheta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta, l'incontro tra il sindaco di Rivarolo e i boss

TorinoToday è in caricamento