Cronaca Filadelfia / Via Giordano Bruno

Ex Moi: palazzi residenziali al posto dei parcheggi abbandonati

E' stato sufficiente un sopralluogo del vicepresidente della Nove per portare alla luce i problemi dell'ex villaggio olimpico. Ma nel 2013 arriveranno novità

Novità in arrivo per il villaggio olimpico, eredità ingombrante dei giochi invernali di Torino 2006. Al posto dei parcheggi olimpici di via Giordano Bruno nasceranno dei palazzi residenziali mentre un bando internazionale si occuperà dell'assegnazione dei locali liberi delle arcate. Il Comune di Torino e la circoscrizione Nove studiano in grande nel tentativo di ridare smalto al complesso dell'ex Moi e al vecchio villaggio olimpico. Il sopralluogo effettuato ieri mattina dal vicepresidente e coordinatore all’Urbanistica della circoscrizione Nove Massimiliano Miano dimostra la volontà delle istituzioni di venire incontro alle richieste dei residenti e dei commercianti del borgo Filadelfia. “Visti gli alti costi di gestione e il periodo economico non proprio florido sarà difficile individuare un operatore locale che voglia investire sul territorio – spiega Miano -. Tuttavia le richieste di riqualificazione sono tante. Il borgo ha bisogno di una mano e noi faremo il possibile per accontentarli”.

Già dai primi mesi del 2013 qualche cambiamento si vedrà. Nuove residenze private prenderanno il posto dell'ex parcheggio olimpico, proprio a fianco delle arcate abbandonate. Un intervento importante che non deve far dimenticare i problemi strutturali del villaggio olimpico, tra crepe e caduta quasi giornaliera di intonaci da balconi e facciate. Un patrimonio costato 140 milioni di euro che oggi annega in un degrado senza fine.

“Il villaggio olimpico è una cartolina della nostra città, quasi sbiadita – continua Miano -. Nel 2006 queste palazzine ospitarono gli atleti di tutto il mondo. Oggi sono occupate da vari soggetti, tra cui il Coni, l’Arpa, il nuovo Ostello della Gioventu’. Altre invece sono state poste in vendita attraverso l’operatore Pirelli Re Franchising ed altre ancora sono oggetto di edilizia residenziale pubblica e gestite da Atc. In accordo con la Divisione suolo pubblico stiamo studiando l’ipotesi di mettere in sicurezza e riaprire al pubblico l’area parcheggio di corso Giambone per realizzare una nuova banchina centrale lungo via Pio VII, al posto dei fatiscenti new jersey bianchi e rossi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Moi: palazzi residenziali al posto dei parcheggi abbandonati

TorinoToday è in caricamento