Non rientra in carcere dal permesso premio, ora è ricercato

È un rapinatore

Immagine di repertorio

Un senegalese di 36 anni, detenuto per rapina e droga, è evaso dal carcere delle Vallette non rientrando da un permesso premio. L'allarme è scattato questa mattina, giovedì 21 marzo 2019, alle 5.20, 12 ore dopo l'ora attesa per il suo rientro. Gli erano stati concessi due giorni di permesso premio da trascorrere presso l’associazione Brader Keepers di via Barbaroux di Torino. La sua pena finirà nel 2021.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare la notizia è l’Osapp, sindacato autonomo di polizia penitenziaria per voce del segretario generale Leo Beneduci che dichiara: "Siamo all’ennesimo grave episodio che pone inequivocabili dubbi sulla funzionalità dell’attuale sistema penitenziario Italiano e sulle altrettanto scarse capacità gestionali ed organizzative e che dimostrano quanto e come si sia perso di vista il significato e la finalità delle pene detentive per chi deve scontare il proprio debito nei confronti della collettività. Ma ciò che ancora di più ci amareggia è l’apprendere che anche ai massimi livelli Istituzionali si minimizzi o addirittura si neghi la rilevanza di tali episodi; è difficile accettare, infatti, che chi ricopre incarichi di così grande responsabilità non si renda conto di quanto vengano a costare agli inermi contribuenti il grande dispiego di risorse in termini economici, di mezzi e di personale necessarie alla ricerca degli evasi dal carcere e che potrebbero, invece, essere più utilmente impiegate. Auspichiamo che il lungo sonno che apparirebbe affliggere il sistema giunga finalmente al debito risveglio e che non si debba attendere a tal fine l’esito delle prossime elezioni politiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento