Si nasconde sotto il letto per evitare le manette: arrestato dalla polizia

Aveva manomesso il bracciale elettronico

Era riuscito a manomettere il braccialetto elettronico che i detenuti, da qualche anno a questa parte, indossano durante gli arresti domiciliari per poter essere sempre monitorati dalle forze dell’ordine.

Ma qualcosa non è andato come avrebbe voluto, perché gli agenti del commissariato San Donato si sono subito accorti dell’anomalia segnalata dal dispositivo elettronico che l’uomo avrebbe dovuto indossare.

E così si sono subito diretti a casa di un 42enne, dove ad accoglierli ci ha pensato la moglie.

Durante il giro di perlustrazione, i poliziotti hanno trovato il braccialetto elettronico sopra alla lavatrice, mentre l’uomo si era nascosto in camera da letto, per cercare di farla franca.

E alla domanda sul perché si fosse liberato del bracciale e fosse uscito, l’uomo ha confermato come si fosse allontanato di casa “ma solo per andare in ospedale, perché non mi sono sentito bene”. Una scusa a cui gli agenti non hanno creduto, arrestandolo così per evasione dagli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

Torna su
TorinoToday è in caricamento