Chivasso: fatture false per 20 milioni di euro, 37 società coinvolte

Venti persone denunciate per reati relativi al periodo 2010-2014. Individuate tre aziende "cartiere" attive a Torino e nel Chivassese

Fatture false per oltre 20 milioni di euro, trentasette le società coinvolte e venti i soggetti denunciati. Questi i numeri di una complessa attività investigativa che la guardia di finanza di Chivasso ha condotto prendendo in esame un periodo compreso tra il 2010 e il 2014.

Le indagini hanno accertato il coinvolgimento di venti persone responsabili di reati quali emissione ed utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di scritture contabili e omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali. In un caso, inoltre, il rappresentante legale di una delle imprese controllate è stato denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato per l’ottenimento di erogazioni pubbliche. 

Le frodi sono state rese possibili grazie all’opera di tre imprese attive a Torino e nel Chivassese, risultate vere e proprie “cartiere”, cioè soggetti fiscali creati ad hoc per produrre fatture false a favore di numerosissimi “clienti” che, a loro volta, se ne sono avvalse per frodare il Fisco in sede di dichiarazioni dei redditi. Le tre società fittizie - formalmente costituite per svolgere, rispettivamente, attività di assemblaggio di penne e rossetti, fornitura di servizi informatici e costruzione di edifici - hanno emesso false fatture nell’ambito di molteplici e inverosimili settori commerciali che spaziavano dai lavori di cantieristica al noleggio e manutenzione di automezzi, passando dalle campagne pubblicitarie e arrivando sino al commercio di strumenti per esami diagnostici. 

La “mente” dell’intera organizzazione criminale era un 46enne chivassese. Egli, con interessi tra Italia e Svizzera e sui cui gravano già precedenti specifici, intestando fittiziamente le “cartiere” a collaboratori compiacenti reclutati sul territorio, ha messo in piedi un giro di fatture false che ha interessato complessivamente 37 aziende “utilizzatrici”, dislocate tra le province piemontesi di Torino, Vercelli e Cuneo e quelle lombarde di Varese e Lecco. Grazie all’esame dei numerosissimi rapporti di conto corrente, i finanzieri hanno potuto verificare come gli ingenti bonifici ordinati dai clienti per saldare le false fatture venissero immediatamente prelevati in contanti. Il giorno stesso o quelli immediatamente successivi infatti, membri del sodalizio criminale facevano il giro degli sportelli bancari e postali del Chivassese al fine di prelevare immediatamente quanto incassato, così da restituire parte del denaro ai “clienti” e trattenerne una parte per remunerare la propria illecita attività. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A conclusione dell’attività sono stati accertati ben 7 milioni di euro sottratti a tassazione, oltre a un’IVA complessivamente evasa per circa 5 milioni e quantificati guadagni illeciti per circa 500mila euro. I finanzieri hanno inoltre proposto il sequestro preventivo dei beni di disponibilità dei responsabili della frode, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Tragico scontro con un camion, morto un automobilista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento