Investe una prostituta e finisce ai domiciliari, ma esce e va a 60 chilometri di distanza

Tradito dal guasto all'auto

immagine di repertorio

Nonostante fosse agli arresti domiciliari a Verrès (Aosta) con l'accusa di tentata violenza sessuale e tentato omicidio, il giorno di Pasquetta, lunedì 2 aprile 2018, si era messo al volante ed era andato fino a Volpiano, a oltre 60 chilometri di distanza da casa. Poi era rimasto bloccato per un guasto all'auto e per rientrare a casa ha dovuto prendere un treno proveniente da Torino.

Su richiesta del pm Carlo Introvigne, il gip di Aosta ha disposto l'aggravamento della misura cautelare nei confronti di Redouane Aznag, marocchino di 51 anni, che è quindi finito in carcere oggi, mercoledì 11 aprile 2018.

I carabinieri lo avevano arrestato lo scorso 31 marzo per un episodio risalente allo scorso 18 febbraio 2018 quando, a Saint-Vincent, aveva provato a violentare una prostituta (almeno secondo il racconto della vittima fatto proprio dall'accusa) e poi l'aveva investita con l'auto poiché lei lo aveva inseguito.

Potrebbe interessarti

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

  • Trekking in Val Susa: 6 facili e bellissime passeggiate a un'ora da Torino

  • Forno a microonde: ci sono rischi per la salute?

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Gravissimo incidente in autostrada: un morto e sei feriti, tratta chiusa tre ore

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

Torna su
TorinoToday è in caricamento