Investe una prostituta e finisce ai domiciliari, ma esce e va a 60 chilometri di distanza

Tradito dal guasto all'auto

immagine di repertorio

Nonostante fosse agli arresti domiciliari a Verrès (Aosta) con l'accusa di tentata violenza sessuale e tentato omicidio, il giorno di Pasquetta, lunedì 2 aprile 2018, si era messo al volante ed era andato fino a Volpiano, a oltre 60 chilometri di distanza da casa. Poi era rimasto bloccato per un guasto all'auto e per rientrare a casa ha dovuto prendere un treno proveniente da Torino.

Su richiesta del pm Carlo Introvigne, il gip di Aosta ha disposto l'aggravamento della misura cautelare nei confronti di Redouane Aznag, marocchino di 51 anni, che è quindi finito in carcere oggi, mercoledì 11 aprile 2018.

I carabinieri lo avevano arrestato lo scorso 31 marzo per un episodio risalente allo scorso 18 febbraio 2018 quando, a Saint-Vincent, aveva provato a violentare una prostituta (almeno secondo il racconto della vittima fatto proprio dall'accusa) e poi l'aveva investita con l'auto poiché lei lo aveva inseguito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

Torna su
TorinoToday è in caricamento