Eternit, 16 anni non sono sufficienti: la Procura fa ricorso

Stephan Schmidheiny e Louis De Cartier sono stati condannati a 16 anni per disastro doloso e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. I magistrati hanno presentato richiesta di appello

Erano stati condannati a sedici anni di reclusione. Ma la sentenza, ai danni dello svizzero Stephan Schmidheiny e del belga Louis De Cartier per le migliaia di morti legate ai quattro stabilimenti italiani della multinazionale dell'amianto Eternit, non è sufficiente secondo la Procura di Torino, che oggi ha presentato richiesta di appello contro la sentenza pronunciata dal Tribunale lo scorso 13 febbraio per disastro doloso e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. In particolare, i magistrati non condividono che sia stata applicata la prescrizione per il reato di disastro doloso relativamente agli stabilimenti di Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli).

La richiesta dei magistrati è che Schmidheiny e De Cartier siano condannati a 20 anni, ossia all'intera pena richiesta in sede di requisitoria. Nella domanda di appello, i pm Raffaele Guariniello, Gianfranco Colace e Sara Panelli sostengono che il disastro ambientale a Rubiera e Bagnoli sia tuttora attuale, perché la popolazione della zona continua ad ammalarsi di asbestosi e tumori polmonari a causa dell'amianto proveniente dai due stabilimenti. Osservano, inoltre, che "anche il Tribunale ha ritenuto che qualcuno può essere ancora affetto da gravi forme tumorali" e che "c'é tuttora contaminazione dei siti abitati vicini allo stabilimento". Il rischio, secondo i magistrati, è ancora presente "per l'inerzia degli imputati e le bonifiche non ancora terminate. A oggi - ribadiscono i pm - risulta che gli imputati non si sono attivati neppure con esborsi economici per rimuovere il pericolo".

Guariniello, Colace e Panelli hanno richiesto di poter sostenere l'accusa anche in appello, in luogo della Procura generale, in virtù della loro specializzazione sul caso. La stessa procura, intanto, ha diffuso i dati sui lavoratori italiani morti dopo avere prestato servizio nei due stabilimenti svizzeri della Eternit: sono 117, residenti per la maggior parte in provincia di Lecce. Come per le altre migliaia di morti legate alla Eternit, anche loro si sono ammalati tutti molto tempo dopo la fine del loro rapporto con l'azienda e il loro ritorno in Italia. Proprio per accertare il legame tra il periodo passato alla Eternit e l'insorgenza di asbestosi, mesoteliomi e altri tumori polmonari, la procura di Torino ha aperto, da un paio di anni, inchieste anche sugli italiani che hanno lavorato negli stabilimenti di Brasile, Francia e, appunto, Svizzera. 

Ma è anche sul versante italiano che procedono le inchieste. La cosiddetta Eternit-bis, che vede come indagati, per altre ipotesi di reato rispetto a quelle per cui sono stati già condannati, gli stessi Schmideheiny e De Cartier, è prossima alla chiusura indagini. Oggi il gup di Torino Massimo Scarabello ha rinviato a giudizio quattro ex dirigenti dello stabilimento di Cavagnolo, accusati di omicidio colposo e lesioni colpose per ulteriori quattro casi di ex dipendenti che sono morti o si sono ammalati di patologie legate all'amianto. Infine, altri casi di malattie e di morti stanno arrivando sui tavoli della procura per la cosiddetta inchiesta Eternit-ter.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(fonte ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Tragico scontro con un camion, morto un automobilista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento