rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca San Paolo

Estorsione da manuale in zona San Paolo, due arrestati dalla polizia

In casa di un uomo trovati un caricatore per pistola semiautomatica, dieci proiettili, un passamontagna nero e un coltello con lama in ceramica

Un estorsione da manuale, con tanto di minacce, pistole e promesse da mantenere. Tutti i passaggi, però, sono stati monitorati dagli uomini del commissariato San Paolo che, con il concorso del personale della Squadra Mobile, hanno arrestato i due uomini.

L'episodio è da ricondursi a uno precedente di venti giorni. L'aggressore, in compagnia di un complice, si è reso protagonista di violenze al proprietario di una rivendita di vino in zona San Paolo. Dopo aver puntato la pistola alla testa del gestore del locale, chiedendo allo stesso di saldare un vecchio debito di 2mila e seicento euro, i due malviventi lo hanno colpito al volto facendosi "promettere" la consegna del denaro, entro dieci giorni.

S.C. di 64 anni e R.C di 67, entrambi pluripregiudicati, il primo residente a Marsala e il secondo a Torino, hanno riferito alla vittima che del ritiro del denaro si sarebbe occupato il solo 67enne, il quale si è poi puntualmente presentato dieci giorni dopo. Nei giorni precedenti, il 64enne, per concordare il ritiro, ha contattato sia il suo complice sia la vittima, quest'ultima una sua vecchia conoscenza.

Il video dell'estorsione >>

Nella giornata concordata, l'uomo incaricato del ritiro del denaro si è presentato presso il negozio: a quel punto la vittima ha consegnato i soldi all’uomo che si è mostrato contrariato per il fatto che la somma fosse meno di quanto pattuito, minacciando nuovamente l’estorto. L'estorsore si è poi allontanato solo con la garanzia di ricevere entro altri dieci giorni il resto del denaro.

Tutta la vicenda è stata monitorata dagli uomini delle forze dell'ordine. Gli agenti di polizia, quando hanno bloccato l'aggressore in prossimità del locale, lo hanno trovato in possesso di una pistola semiautomatica Beretta, detenuta senza alcun titolo, e della somma di denaro poco prima estorta.

Nel corso della perquisizione domiciliare a casa di R.C. sono stati trovati un altro caricatore per pistola semiautomatica, dieci proiettili calibro 7,65, un passamontagna nero ed un coltello con lama in ceramica. L'uomo dovrà rispondere di estorsione aggravata e porto illegale di arma da fuoco. Il suo complice, invece, solo del primo reato.

Entrambi gli aggressori sono al momento reclusi in carcere per i reati loro contestati.    
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsione da manuale in zona San Paolo, due arrestati dalla polizia

TorinoToday è in caricamento