"Se non mi vuoi come socio devi pagarmi": due arresti per il ricatto all'impresario funebre

Lettera disperata agli aguzzini

immagine di repertorio

"Sono io il tuo socio, dammi i soldi oppure ti faccio saltare in aria l'attività". La minaccia è stata rivolta lo scorso aprile da un imprenditore 32enne italiano di Torino al titolare di un'agenzia di pompe funebri di Moncalieri. L'aguzzino si è anche avvalso di uno scagnozzo, italiano di 43 anni, per convincere la vittima a consegnargli il denaro.

Il titolare delle pompe funebri, dopo avere consegnato 10mila euro, si è poi rivolto, disperato, ai carabinieri che nel primo pomeriggio di martedì 7 maggio 2019 hanno arrestato entrambi gli autori delle minacce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'ultima busta col denaro, i due avevano una lettera della vittima che li implorava di lasciarli stare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

Torna su
TorinoToday è in caricamento