"Se non mi vuoi come socio devi pagarmi": due arresti per il ricatto all'impresario funebre

Lettera disperata agli aguzzini

immagine di repertorio

"Sono io il tuo socio, dammi i soldi oppure ti faccio saltare in aria l'attività". La minaccia è stata rivolta lo scorso aprile da un imprenditore 32enne italiano di Torino al titolare di un'agenzia di pompe funebri di Moncalieri. L'aguzzino si è anche avvalso di uno scagnozzo, italiano di 43 anni, per convincere la vittima a consegnargli il denaro.

Il titolare delle pompe funebri, dopo avere consegnato 10mila euro, si è poi rivolto, disperato, ai carabinieri che nel primo pomeriggio di martedì 7 maggio 2019 hanno arrestato entrambi gli autori delle minacce.

Nell'ultima busta col denaro, i due avevano una lettera della vittima che li implorava di lasciarli stare.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento