menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefania Giannuzzi e Lorenzo Bagnacani

Stefania Giannuzzi e Lorenzo Bagnacani

La raccolta differenziata porta a porta riparte da San Salvario, Vanchiglietta e Santa Rita

L'obiettivo dell'amministrazione è quello di raggiungere il 65% entro il 2020

Dopo un periodo di stasi, riparte l'estensione della raccolta differenziata porta a porta nel comune di Torino. Secondo il piano di lavoro annuale 2017 della Città e di Amiat, proposto dall'assessora all'Ambiente Stefania Giannuzzi e approvato dalla giunta, il servizio verrà esteso ad altri 68mila cittadini raggiungendo il 55% della popolazione torinese.

I primi quartieri che verranno coinvolti nel servizio saranno nell'ordine San Salvario, Vanchiglietta-Borgo Rossini e Santa Rita, allargando così l'area del servizio verso il centro città. "L'obiettivo - ha spiegato Giannuzzi - è quello di raggiungere il 65% della raccolta differenziata entro il 2020: una sfida ambiziosa per la quale c'è molto da lavorare". Torino, che a suo tempo è stata una delle città italiane più all'avanguardia in termini di gestione di rifiuti ma che negli ultimi anni si è arenata, punta dunque, al piu presto, a rientrare nei parametri stabiliti dall'Unione Europea.

"Il porta a porta - ha dichiarato Lorenzo Bagnacani, presidente di Amiat -, dai dati raccolti, risulta essere il sistema più efficace per raggiungere il 65% di raccolta differenziata". In città i numeri medi di RD si aggirano attorno al 43%, fermandosi al 34% dove c'è il sistema di raccolta stradale e salendo addirittura al 60% laddove si effettua il porta a porta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento