Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Madonna di Campagna / Strada del Bramafame, 42

Esplosione di una palazzina a Torino Madonna di Campagna con bambino morto nel crollo, il cugino si autoaccusa: "È stata colpa mia"

Avrebbe manomesso l'impianto del gpl

Sarebbe stato un 25enne albanese, padrone della casa, a provocare l'esplosione della palazzina di strada del Bramafame 42 a Torino dello scorso 24 agosto 2021 manomettendo l'impianto di distribuzione del gpl. O, almeno, è stato lui stesso a essersi autoaccusato dell'accaduto davanti al pm Roberto Furlan, titolare di un'altra indagine che lo vede coinvolto (quella sull'accaduto è del pm Giorgio Nicola). Nel crollo successivo allo scoppio morì un bambino di quattro anni, Aron Tila, cugino dello stesso albanese.

Chiaramente, tutto dovrà essere opportunamente verificato e riscontrato. Il ragazzo, che ha una sfilza di precedenti per reati contro il patrimonio ed è anche finito nei guai per un incidente con omissione di soccorso, ha raccontato di essere intervenuto sull'impianto allo scopo di "preparare la cena ai suoi parenti". È stato arrestato l'ultima volta il 20 settembre 2021 con l'accusa di avere rubato un'auto usata per una rapina a None. Finito davanti al magistrato, forse per il peso, ha deciso di raccontare la sua versione dei fatti su quanto accaduto ad agosto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione di una palazzina a Torino Madonna di Campagna con bambino morto nel crollo, il cugino si autoaccusa: "È stata colpa mia"

TorinoToday è in caricamento