menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moncalieri, Emodinamica e Terapia Intensiva Neonatale non chiuderanno

L'ospedale Santa Croce manterrà le sue eccellenze, lo ha confermato l'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta. Soddisfatti i sindaci di Moncalieri e Nichelino

I reparti di Emodinamica e di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Santa Croce di Moncalieri non chiuderanno. Lo ha confermato l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta, approvando l’atto aziendale presentato nei giorni scorsi dal direttore generale Massimo Uberti.

E mentre la strada verso un nuovo ospedale unico di zona pare ormai in discesa, l’ospedale di Moncalieri continuerà a conservare questi due reparti di eccellenza. Soddisfatti Paolo Montagna sindaco di Moncalieri e Angelino Riggio, sindaco di Nichelino che per primo si oppose alla chiusura dei reparti presentando ricorso al Tar.

“E’ la vittoria di tutti, anche di chi non ci credeva - ha commentato Montagna -: non abbiamo mai cambiato idea e ci siamo sempre battuti considerando Emodinamica e TIN due eccellenze irrinunciabili. Adesso si lavori per l'ospedale unico - ha concluso -, ma senza dimenticare le tre strutture ancora operanti di Carmagnola, Chieri e Moncalieri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento