Cronaca Regio Parco / Via Gabriele Rossetti

Emergenza furti di catalizzatori a raffica sotto le auto parcheggiate e nei depositi di Torino Regio Parco, caccia a più bande

Nella notte una è fuggita

Una delle vetture depredate in via Rossetti a Torino

Predoni dei catalizzatori scatenati in tutta Torino e, in particolare, in via Rossetti fuori e dentro al deposito giudiziario di auto. L'ultimo tentativo di rubare i preziosi pezzi delle auto, che possono essere rivenduti a prezzi che raggiungono i 500 euro ma che, per l'automobilista che ha subito il furto, comportano una spesa che può arrivare fino a 1.500 euro, è avvenuto la notte di mercoledì 26 maggio 2021. I poliziotti intervenuti non ce l'hanno fatta a bloccare gli autori dei furti, che però non sono riusciti a portare via nulla e sono fuggiti a mani vuote facendo perdere le proprie tracce nel parco della Colletta.

"Nel deposito giudiziario che gestisco - dice Alfonso Zurlo a TorinoToday - ribaltano le auto per tagliare i catalizzatori. Sono ormai più di due mesi che la situazione va avanti nonostante i molteplici sforzi della polizia: questi furfanti, che agiscono in squadre composte da tre a otto persone, colpiscono di notte eludendo i sistemi di sorveglianza, agendo in pieno buio con piccole torce e seghetti. I dipendenti hanno paura di trovare i ladri all'interno e di essere aggrediti. I malviventi lavorano al buio, sanno come eludere il sistema di allarme. La settimana scorsa ci hanno colpiti tre volte di fila, il mese scorso altre tre e so per certo che non è soltanto un problema del nostro deposito. Fuori riescono a infilarsi sotto le auto e a tagliarle, anche se qui lavorano con qualche difficoltà in più".

Naturalmente, questo fenomeno non esisterebbe se non ci fosse un fiorente mercato nero dei catalizzatori, anche sugli stessi social network.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza furti di catalizzatori a raffica sotto le auto parcheggiate e nei depositi di Torino Regio Parco, caccia a più bande

TorinoToday è in caricamento