rotate-mobile
Cronaca

Treni soppressi per il freddo polare: tanti disagi e forti ritardi

Una quindicina di treni soppressi e una cinquantina in ritardo sulle linee ferroviarie del Piemonte: é il bilancio, ancora parziale, dei disagi provocati dall'ondata di freddo polare che sta investendo la regione

Anche oggi, mercoledì 1 febbraio, il maltempo sta causando parecchi problemi alla circolazione ferroviaria regionale. Una quindicina di treni sono stati soppressi e una cinquantina sono arrivati in ritardo: questo è il bilancio, ancora parziale, dei disagi provocati dall'ondata di freddo polare. La situazione più difficile è sulle linee della provincia di Cuneo e, in particolare, sulla linea Torino-Savona, i cui treni hanno accumulato ritardi medi superiori a un'ora, con punte che hanno sfiorato le tre ore. Le nevicate cadute in Val Pellice, nel Torinese, hanno costretto Trenitalia a sopprimere tutti i convogli della tratta Pinerolo-Torre Pellice e a sostituirli con autobus.


Disagi, principalmente a causa del congelamento dei meccanismi di apertura porte dei treni, sulle linee Alessandria-Torino, Chivasso-Ivrea-Aosta, Torino-Milano e Acqui Terme-Genova. Alcune soppressioni, sostiene Trenitalia, erano già previste dal piano neve, mentre altre sono state decise in mattinata. Squadre di manutenzione delle Ferrovie dello Stato stanno lavorando nei punti critici per rimuovere il ghiaccio dagli scambi e negli snodi agli ingressi nelle stazioni. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni soppressi per il freddo polare: tanti disagi e forti ritardi

TorinoToday è in caricamento